logo_theil Vic. San Quirino 2
39100 Bolzano (BZ)
Tel.: +39 0471 289 183
Fax:  +39 0471 289 183
info@theil.it
...esperto nei progetti locali ed ecocompatibili con i cittadini
Pedonale lungo la strada del vino prosegue 2017

Kurtatsch-Gehw.Sozialz1La pedonale prolungata lungo la strada del vino arriva ormai al centro sociale e si allaccia in via A. Nikoletti al marciapiede verso il centro. Un alberatura di mandorle e panchine offrono una meravigliosa vista sulla val d'Adige.


leggi tutto...


Varna via Stazione 2016

VahrnBHFstr2La nuova fascia pedonale continua  è visibile perfettamente e viene distaccata dalla carreggiata nei punti pericolosi con bitte. In questo modo il carattere residenziale viene accentuato e la velocità del traffico di attraversamento tra via Brennero e Scaleres avrà una moderazione.

 


leggi tutto...

area verde muro di cinta Glorenza (luglio 2015)

teichZufahrtIl fosso di cinta della città di Glorenza ormai è completamente utilizzabile come zona di ricreazione: i percorsi pedonali ora proseguono dalla torre di Sluderno lungo un fosso d'acqua e passando presso alcuni atrezzi di fitness fino ad arrivare ad uno specchio d'acqua  ristagnato che d'inverno si presta al pattinaggio.


leggi tutto...

Obereggen entrata del paese progetto (giugno 2015)

2015-10-22 22 14 21-2015 06 03 Obereggen Übersicht 500.pdf - Nitro Pro 8La destinazione sportiva Obereggen nota in tutto il mondo verrà valorizzata con nuove entrate al paese definite da rotatorie e fermate autobus, nonchè da marciapiedi tutelati con rinverdimenti e parcheggi ottimizzati.

.

marciapiede strada del vino Cortaccia (agosto 2015)

Gehweg Weinstrasse KurtatschIl nuovo marciapiede pergolato ed ombroso, posizionato a monte della strada del vino concede ampie viste sulla Bassa Atesina. Le case a valle della strada del vino sono allacciatate tramite attraversamenti tutelati  da spartitraffico.

Piazzale di svolta S.Nicolo d'Ega (luglio 2014)

eggenP1080726Il parcheggio esistente nel centro di S.Nicolo d'Ega è stato valorizzato sistemandolo a piazzola di svolta per autobus a carattere di piazza del paese. Nell' area della piazza tra il centro storico ed il torrente incanalato rimane il parco a monte ed il parcheggio a valle von il padiglione. Il centro della piazza invece è sistemato ad area pedonale con fermata autobus.


Con ca. 155.000 € di spesa l'impresa Tschagerbau ha spostato a monte la strada del paese e creato nel centro un area lastricata e senza auto a forma di cerchio dove si ferma a cadenza oraria il bus di linea facendo la svolta. La riqualifica di questa area centrale della piazza è stata realizzabile con lo spostamento della fontana del paese e la piantaggione di un tiglio regalato dal paese gemellato. Per le feste sono state posate appositamente diverse infrastrutture  per acqua e corrente in quanto la piazza poco inclinata si presta molto bene a manifestazioni. 



Wettbewerb IMZ Sigmundskron: Anerkennung (April 2014)

Unser Beitrag zum geladenen Wettbewerb für ein Intermodalzentrum in Sigmundskron wurde mit einer Anerkennung ausgezeichnet. Auslober: Autonome Provinz Bozen Südtirol,  Mitarbeit: SP3engineering, Naemas Architekten, dott.Parolin

 a2015-11-15 21 27 31-140226 ABGABE WB PLAKATE - reduziert.pdf - Nitro Pro 8




Accesso maso Steinwendt con pavimentazione innovativa (ott. 2013)

p1070847aNella valle Scaleres l'ultimo  tratto di strada d' accesso al maso Steinwendt, lungo 1,5 km è stato sistemato con una pavimentazione innovativa drenante. Progetto e DL Studio Ing. Theil - impresa Klapfer Bau - costi 230.000 €


leggi tutto...


Ciclabile a S. Pietro Val Aurina inaugurata (agosto 2013)

P1070229aUn primo tratto della ciclabile di Val Aurina, lungo 2,5  km tra il ponte Achrain e Hofer/S.Pietro è stato inaugurato nell' agosto 2013 dopo 1 anno di cantiere. Progetto e DL Studio ing. Theil - impresa Nordbau - costi 460.000 €


leggi tutto...

Progetti e cantieri


Gemeinde
Kurtatsch: Gehweg entlang der Weinstrasse zum Sozialzentrum abgeschlossen Frühjahr 2017 - Baufirma ARREDO URBANO
Gemeinde Vahrn: 
  Bahnhofstrasse mit überfahrbarem Gehstreifen und neuem Belag übergeben Herbst 2016 - Baufirma VAJA
Gemeinde Schlanders:
Begrünung der Strasse in der Industriezone Vetzan, Baulos 1 - Ende 2016,  Baufirma HOWA - Gärtnerei  RINNER
Gemeinde Mühlwald: ESF Projekt für Optimierung des öffentlichen Verkehrs abgeschlossen- Mai 2015
Gemeinde Deutschnofen:
Busumkehrplatz Eggen befahrbar - Bauende Juli 2014 - Baufirma TSCHAGER
Stadtgemeinde Glurns:
Bus und PKW Parkplatz am Kasernenareal - Bauende  Mai 2014 - Baufirma HOWA
Gemeinde Klausen:  Fusswegquerung beim Freibad Klausen begehbar
Gemeinde Montan
: Mobilitätskonzept Montan - Bürgerversammlung am 20.November 2013
Gemeinde Toblach:
Radweg Dürrensee - Misurinastrasse - Bauende 2014 - Baufirma Nordbau
Gemeinde Enneberg
: Neugestaltung C.Lanzstr. entlang der Friedhofsmauer St. Vigil - Bauende 2014 - Baufirma Taubau
Gemeinde Ritten:
Verkehrskonzept Unterinn vorgestellt
Gemeinde Ritten: Verkehrskonzept Klobenstein abgeschlossen - erste Massnahmen zum Mobilitätszentrum vorgestellt
Gemeinde Ritten:
Verkehrskonzept Oberbozen vorgestellt, Umsetzung begonnen
Gemeinde Vahrn: Zufahrt Steinwendthof mit wasserdurchlässigem Belag - Bauende Sept.2014- Baufirma Klapfer
Gemeinde Gargazon:
Infrastrukturen der Wohnbauzone Kreuzacker, Abschluss Arbeiten der Baufirma Erdbau Okt. 2012
Gemeinde Gargazon:
Erweiterung Parkplatz Bahnhof abgeschlossen - Baufirma ERDBAU
Gemeinde Neumarkt: Verkehrsberuhigung Vill - Neugestaltung Cavalese und Villnerstrasse - vom Gemeinderat beschlossen
Gemeinde Margreid:
  Mobilität und Entwicklung - vom Gemeinderat beschlossen
Gemeinde Vahrn:
Gehsteig Alte Strasse abgeschlossen - Baufirma Wipptalerbau
Gemeinde Toblach:
Radweg Landro Militärfriedhof - Dürrensee - Bauende 2013 Baufirma Nordbau Peskoller
Gemeinde Ahrntal
: Radweg Ahrntal Baulos 1 - Bauende August 2013 - Baufirma Nordbau - Peskoller




Mobilità a Magré

Il paese Magrè posizionato lungo la strada del vino è caratterizzato da piccoli viottoli che non reggono al traffico odierno: meno traffico con velocità ridotta può essere una meta per uno sviluppo del paese gestibile nel futuro con un alta qualità di vita. In questo senso il progetto di mobilità propone misure di intervento del tipo organizzativo e costruttivo.


leggi tutto...

moderazione traffico a Villa - Egna

Nonostante l'apertura della galleria di circonvallazione della SS12 Brennero ad Ora tuttora il 50 % del traffico indirizzato verso la val di Fiemme attraversa il quartiere di Villa. Si propongono interventi per lo spostamento del traffico tramite la riduzioni delle sezioni stradali, l'inalzamento della sede stradale, l'abolizione dei rettilini e isole spartitraffico per rendere meno attraente l'attraversamneto del quartiere di Villa e per ridurre l'inquinamento viabilistico per gli inquillini di Villa.


leggi tutto...

strada del paese di Varna (sett.2011)

La strada del paese di Varna tra il ponte sul rio Scaleres e l'incrocio via Vernaggen è stata rivalutata in modo generoso con marciapiedi  ed incroci lastricati.


leggi tutto...

strada del paese di Fiè allo Sciliar

La strada del paese di Fiè allo Sciliar tra la rotatoria sulla strada provinciale e la piazza della chiesa è stata valorizzata in modo decisivo nell' anno 2011 con marciapiedi cubettati ed un allestimento a verde  lungo tutta la strada.

centro paese di Aica

Dorfplatz AichaAica di Fiè situata nella valle di Tires è stata rivalutata di molto con la sistemazione del centro con una nuova piazza del paese, un marcipiede alberato ed un parcheggio riordinato.


leggi tutto...

progetto mobilità Prato Piazza

Prato Piazza deve rimanere la porta al patrimonio mondiale Dolomiti! Questo è l'obbiettivo del progetto elaborato nel 2010 con una riorganizzazione dell'accessibilità.


leggi tutto...

Rotatoria Purger ad Ortisei aperta al traffico (aprile 2010)

Nell’inverno 2009/2010 la nuova rotatoria presso il monumento Purger è diventata transitabile. Oggi questa rotatoria all’interno dell'abitato di Ortisei, con il cerchio interno fiorito si presenta come carta da visita del capoluogo della Val Gardena.   


leggi tutto...

Moderazione traffico con bus navetta nella Val Campo di Dentro / S. Candido (luglio 2009)

Nel mese di luglio 2009 è stata avviata la nuova regolamentazione di accesso verso la Val Campo di Dentro con servizio di bus navetta grazie alla tempestiva ultimazione dei lavori per il nuovo parcheggio di testata e le fermate autobus.


leggi tutto...

Inaugurazione dell’attraversamento ciclistico della valle di Braies – ciclabile val Pusteria (novembre 2009)

 

In novembre 2009 un importante e impegnativo tratto della pista ciclabile della Val Pusteria è stato inaugurato ufficialmente da rappresentanti della Amministrazione Provinciale e Comunale nonché  militare nonostante l'arrivo della prima neve.

leggi tutto...

Ciclabile via Bolzano a Lana (luglio 2009)

 

Un primo tratto della pista ciclabile sovracomunale da Postal verso Marlengo lungo ca. 1 Km è stato realizzato in estate 2009.


leggi tutto...

Nuova Rotatoria in piazza Tribus / Lana

Con brevissimi tempi di costruzione è stata realizzata la prima minirotatoria con un diametro di 14 m su una strada principale della provincia di Bolzano (impresa Erdbau, pavimentazione Bortolotti Alessandro). Per garantire che rimanga carreggiabile anche per messi pesanti, “l’occhio” della rotatoria è stato reso transitabile.


leggi tutto...

Noleggio bici „Pusterbike”

Il progetto pilota di noleggio di biciclette "Pusterbike" è partito nell'anno 2005. Nel 2008 la 3. ed ultima relazione prevista nella fase pilota sull’utilizzo delle 500 biciclette nelle 12 stazioni di noleggio è stata presentata alla committenza, la Comunità Comprensoriale delle Val Pusteria. In quanto il grado di utilizzo del parco bici non aveva raggiunto gli obiettivi posti da questo progetto finanziato con fondi pubblici dal coordinatore tecnico Studio Ing.Theil è stato presentato un catalogo con proposte per misure migliorative.


leggi tutto...

ciclabile della val Pusteria con segnaletica uniforme
La pista ciclabile della Val Pusteria tra Rio di Pusteria e San Candido è quasi completata. Ma fino a quando arriva il momento di poter percorrerla su tutta la lunghezza il ciclista è costretto ad aggirare i tratti dove tuttora manca il collegamento ed a deviare su tratti stradali che non sono riconoscibili come percorso ciclabile...   

leggi tutto...

+ + Attuale + +
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow

Urbanistica

Il territorio edificato

inserito nel paesaggio predefinito e spesso già modificato
con discreta qualità residenziale e di lavoro,
allestito con le infrastrutture necessarie
di seguito lasciato ad uno sviluppo auto-dinamico
... questo è urbanistica!


Fuori dal territorio edificato rimane il paesaggio, spesso alterato da fabbricati e privato delle sue caratteristiche. Una progettazione valida può sanare ed evitare gravi errori almeno dal punto di vista estetico; sono essenziali però i presupposti urbanistici come base per il progettista paesaggistico, se questo deve trasformare aree libere in spazi pregiati di natura che sono anche un incanto per gli occhi.

Recupero

Il patrimonio di edilizia abitativa storica esistente del Sudtirolo specie nelle aree rurali ha un alto valore paesaggistico e storico. Quindi già negli anni settanta sono stati elaborati i primi così detti piani di recupero. L’obiettivo è quello di mantenere l’esistente offrendo la possibilità di ampliamenti limitati e cauti indipendentemente delle norme urbanistiche generali. 
Nell’ambito dei rilevamenti il progettista ottiene un’impressione profonda della vita di tutti i giorni dei residenti della zona con le loro contrarietà, i loro fabbisogni e le loro idee. Da tutto questo possono essere distillate delle conclusioni riguardo le strutture di valore da conservare e da sviluppare. Come risultato di lunghe discussioni sulle possibilità di ampliamenti nelle aree storiche e strette di un centro abitato, degli spostamenti delle aziende agricole senza possibilità di allargarsi, e del miglioramento della qualità della vita attraverso più luce del giorno (liberazione di aree interne da costruzioni superflue), migliore accessibilità (strade, aree di sosta) e infrastrutture (spostamento sottoterra di cavi e condotte) si sviluppa un piano di recupero con caratteristica di piano generale per tutto il borgo antico e per i quartieri confinanti. 

L’esempio della zona di recupero "Corona" nel Comune di Cortaccia dimostra che dopo la fine della fase di progettazione si è manifestato un forte sviluppo urbanistico; perchè con l’aiuto di questo strumento urbanistico la situazione fino allora statica ha potuto essere ammollita. Per la località si sono aperte nuove prospettive che si manifestano in un’attività edile controllata e tipica del luogo.

Zone residenziali

Lo sviluppo edile nelle aree turistiche estremamente forte degli anni 80 ha portato alla situazione che gli ampliamenti delle strutture alberghiere necessari per offrire gli standard previsti non erano più attuabili, anche se la possibilità legale per ampliamenti qualitativi e quantitativi era data. 
Grazie all’iniziativa di alcuni comuni Sudtirolesi sono stati elaborati dei piani di attuazione che approfittavano della nuova normativa per uno sviluppo edile delle strutture alberghiere che consentiva degli ampliamenti anche nei casi di distanze insufficienti dai confini. L’obiettivo era - tenendo conto delle esigenze dei turisti – di far raggiungere le strutture alberghiere il massimo di qualità di soggiorno anche se situate in aree ristrette.
 
Come prima zona abitativa sviluppata sulla base della nuova normativa può essere nominata la zona residenziale “Isgla” di Selva Val Gardena. Molti piccoli aggiustamenti del piano di attuazione hanno contribuito ad un’ottimizzazione della struttura urbanistica dei micro-spazi presente che approfitta anche delle più minime possibilità di ampliamento all’interno della zona esistente.

Zone produttive

Lo sviluppo di zone produttive in aree agricole avviene generalmente partendo dalla necessità di trovare nuovi spazi per aziende preesistenti nel centro abitato. Le esigenze riguardo la funzionalità, l’accessibilità, ma anche l’architettura di queste zone negli ultimi anni sono cambiate in modo sostanziale. Le condizioni limitanti si riferiscono in quasi tutti i casi alla disponibilità di aree, la loro accessibilità e un ridotto impatto ambientale (rumore, gas di scarico, traffico pesante) per la località vicina. In questo modo nella maggior parte dei casi si sono sviluppate delle zone produttive in disparte dei centri abitati, in particolare nelle aree turistiche della provincia. Le aree trafficabili disponibili anche per la situazione morfologica estrema nella maggio parte dei casi sono state ridotte al minimo; la tipologia di edificio scelto quasi sempre è un sistema multipiano che utilizza il sistema viario anche per l’accesso “interno” ai diversi piani.

Come esempio tipico per aspetti di impostazione architettonica e paesaggistica può essere citata la zona produttiva di Nuova Levante che sfrutta in modo ottimale lo spazio minimo tra strada statale verso Passo Carezza e il torrente e che conseguentemente ha una tipologia di costruzione compatta e un sistema di accesso semplice. L’edificazione compatta prevista dal piano di attuazione e applicata dall’Amministrazione Comunale dà alla zona produttiva con i suoi edifici progettati dagli architetti Trojer e Vonmetz un'immagine omogenea che si distingue positivamente dalle solite zone produttive del Sudtirolo.

Tutela degli insiemi

La tutela degli insiemi per elementi architettonici e paesaggistici in Sudtirolo è competenza dei Comuni; tutti i Comuni entro un termine già prorogato dovrebbero proporre una lista degli elementi da tutelare all’amministrazione provinciale. Essenzialmente la tutela degli insiemi è ideata per la preservazione di elementi caratteristici che raggruppati formano un'insieme prezioso; questo insieme nell’ambito di interventi edili non dovrebbe perdere le sue caratteristiche fondamentali. Poiché nel caso della tutela degli insiemi si tratta di interesse pubblico i proprietari privati di elementi idonei spesso si sentono limitati nelle loro azioni; per poter inserire nella lista della tutela degli insiemi anche degli elementi che si trovano in proprietà privata è necessario un lavoro di sensibilizzazione notevole.
Impressum   |    Privacy   |   

Utilizziamo i cookie per assicurarVi una migliore esperienza sul nostro sito. Utilizziamo inoltre anche cookie di parti terze per inviarVi messaggi promozionali personalizzati. Se prosegue nella navigazione di questo sito acconsente automaticamente all’utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione clicca qui.